Altre

Che cos’è la programmazione neuro-linguistica ?

Hai mai sentito parlare di Programmazione Neuro-Linguistica, abbreviato in PNL? Se la risposta è no, allora ti trovi nel posto giusto! La PNL rappresenta l’insieme di abilità che rivelano il tipo di comunicazione che conta di più in un determinato contesto, dentro e fuori. Le parole neuro e linguistica, nello specifico, si riferiscono rispettivamente all’influenza mentale (e corporale) nella propria comunicazione e a come i propri stati mentali vengono rivelati attraverso la lingua e attraverso la comunicazione non verbale. La parola programmazione, invece, fa riferimento alla capacità di cambiare la mente e gli stati del corpo e consiste in pensieri, sentimenti, reazioni, credenze e tradizioni abituali.

 

Ma come funziona veramente la PNL nella nostra quotidianità? Basta un piccolo esempio per comprenderlo: se un tuo conoscente ti dice di essere disposto ad aiutarti, le sue parole “valgono” soltanto il 7% del significato. Inoltre se il tono della voce è piatto e l’espressione facciale mostra segni di disturbo, significa che in realtà c’è un’altra grossa percentuale che sta influenzando la discussione. Ecco, proprio il restante 93% della comunicazione rappresenta la Programmazione Neuro-Linguistca. La PNL è un sistema utile alla comprensione della comunicazione che conta davvero! La vita interiore, la tua mentalità, le tue attitudini e i tuoi sentimenti sono una forma attiva di comunicazione. E la comunicazione interiore è un valido esempio di Programmazione Neuro-Linguistica.

 

La PNL si occupa quindi dello studio della struttura dell’esperienza soggettiva e di quello che può essere calcolato da esso. Questa metodologia nasce negli anni ‘70, frutto di anni di ricerche compiute da Richard Bandler e John Grinder, orientate a scoprire quali fossero gli elementi comportamentali e linguistici che permettevano alle persone di successo di avere una costanza di risultati positivi rilevanti. In realtà, però, alla nascita di questo progetto parteciparono attivamente anche Frank Pucelik, Robert Dilts, Judith Delozier, Leslie Cameron, David Gordon e altri. In California, nell’universtià di Santa Cruz, questo gruppo di studiosi iniziò delle ricerche sugli schemi comunicativi specifici che hanno consentito a straordinari psicoterapeuti di ottenere risultati non comuni con i loro clienti. Attraverso l’osservazione diretta e l’analisi di videocassette, sono stati in grado di decodificare modelli efficaci di comunicazione di questi professionisti e insegnarli agli altri.

 

Dunque se vuoi conoscere meglio te stesso e gli altri per raggiungere i migliori livelli di comunicazione efficace, di motivazione e di autostima, non ti resta che intraprendere un percorso di formazione riguardo questo interessante argomento.

No Comments

Leave a Reply