Ricette per la perdita di peso

DIETA MIMA DIGIUNO: Cosa è? Come Funziona? Uno Schema per Voi

 

 

 

 

Si parla molto nelle ultime ore di quella che viene definita la Dieta mima digiuno.

Si tratta di un regime alimentare studiato da alcuni ricercatori della University of Southern California.

Alla guida del gruppo di ricerca l’italiano Valter Longo, docente di Biogerontologia e direttore dell’Istituto sulla longevità presso l’ateneo californiano.

 

Obiettivo della Dieta mima digiuno non è soltanto la perdita di peso e il ritrovamento della migliore forma fisica, ma anche la pulizia del corpo dalle scorie e la sua protezione da malattie anche gravi come tumori, morbo di Alzheimer, obesità e diabete.

 

Il nome deriva proprio dalla sua attività di mimesi degli effetti prodotti dal digiuno, senza tuttavia comportare una completa astinenza dal cibo.

Si tratterebbe in sintesi di ridurre in maniera netta l’apporto alimentare per 5 giorni, ripetendo tale procedure ogni 3 o 6 mesi.

Come ha spiegato lo stesso Longo durante un servizio de Le Iene, l’obiettivo principale di questa dieta era fornire un regime alimentare sano e in grado di produrre effetti a lungo termine praticabile anche da chi fa fatica a seguire un’alimentazione regolare.

A detta del ricercatore sono stati riscontrati nell’uomo effetti protettivi (dimunzione dei fattori di rischio) per quanto riguarda malattie cardiovascolari, invecchiamento, tumori e diabete.

 

Nella dieta quotidiana andrebbero in generale privilegiate le proteine vegetali, spiega il Dott. Longo, evitando quanto possibile quelle d’origine animale ottenute dal consumo di carne o formaggi.

Discorso a parte meriterebbe invece il pesce, che non presenterebbe gli stessi effetti a favore dell’invecchiamento cellulare e della manifestazione di tumori.

La carne e i formaggi controllerebbero, prosegue Longo, i geni che promuovono invecchiamento e tumori.

In sostanza riducendo l’assunzione di proteine animali si ridurrebbero i livelli dell’ormone della crescita e quindi i fattori che portano a invecchiare o ammalarsi di patologie tumorali.

 

Gli studi sulla sua efficacia a lungo termine sono tutt’ora in corso per quanto riguarda l’uomo, mentre risultati positivi sarebbero stati riscontrati sui topi.

Occorrerà quindi attendere ancora del tempo per una conferma piena dei benefici offerti dalla Dieta mima digiuno.

Sebbene si sconsigli il fai da te, la Dieta mima digiuno può essere seguita (dietro supporto del proprio medico o di un nutrizionista) privilegiano zuppe, verdure, carboidrati semplici e bevande come l’acqua e il tè senza zucchero.

 

Lo schema della dieta mima digiuno

La dieta mima digiuno segue uno schema ben preciso che si sviluppa in 5 giorni di restrizione calorica e a basso contenuto proteico.
Il primo giorno, la dieta mima digiuno prevede l’assunzione di circa 1000 calorie, divise tra 34% di carboidrati, 56% di grassi e 10% di proteine.
Nei 4 giorni successivi, le calorie scendono a 750: 47% carboidrati, 44% grassi e 9% proteine.
Questo schema alimentare non è un vero e proprio digiuno, ma una riduzione drastica delle calorie e degli alimenti che agiscono sui livelli di insulina, come quelli altamente proteici.
Valter Longo suggerisce di ripetere la dieta mima digiuno ogni 3 – 6 mesi, ma solo sotto stretto controllo medico.

 

Un esempio di menù della dieta mima digiuno

Prima di vedere un esempio di menù per la dieta mima digiuno, è fondamentale riportare un’osservazione di Valter Longo. Piuttosto che un controllo ossessivo delle calorie, sottolinea il dottore, meglio concentrarsi sul numero dei pasti che dovrebbe essere ridotto a 2 al giorno.

Dieta mima digiuno: esempio di menù per il giorno 1
Colazione
Tè verde e una barretta ai cereali senza zucchero
Snack
Una manciata di noci mescolate all’uvetta
Cena
150 grammi di cereali integrali e 300 grammi di legumi cotti

Giorno 2 – 5: esempio di menù
Colazione
Nocciole, uvetta e tè verde
Snack
Una barretta ai cereali senza zucchero
Cena
100 grammi di pesce accompagnati da un’insalata condita con olio extravergine oppure verdure a piacere cotte al forno e servite con un piatto di fagioli stufati

La dieta mima digiuno non è indicata in gravidanza, in allattamento, per i bambini e i soggetti a rischio di anoressia nervosa.

Consulta il tuo medico prima di iniziare la dieta mima digiuno e accertati di poterla seguire senza che la tua salute ne sia intaccata.

Dove trovare il Kit della Dieta Mima-digiuno?

COME È COMPOSTO IL KIT

Il kit ideato da Longo comprende il necessario per i 5 giorni proposti dalla dieta mima digiuno, ogni frazione di pasto è incartata singolarmente all’interno di un contenitore più ampio con su scritto il numero del giorno di dieta che si deve affrontare.

Quotidianamente la totalità dei pasti propone un range calorico che parte da 1050 calorie ma poi si abbassa gradualmente fino ad arrivare a 750 calorie. Vi starete giustamente chiedendo: ma cosa contiene esattamente questo kit?

Si tratta di alimenti liofilizzati come zuppe e minestroni, crackers, barrette, snack, chips di cavolo nero, olive, integratori a base di alghe e tè. Tutti alimenti o già pronti da consumare o di facile ed istantanea realizzazione come ad esempio le zuppe.

In sostanza i cibi permessi sono:

• alimenti da reidratare e dunque liquidi come zuppe e minestroni

• frutta secca

• carboidrati semplici

• grassi naturali

DOVE TROVARE IL KIT

Il kit per la dieta mima digiuno doveva essere disponibile a partire dal mese di settembre anche nelle farmacie italiane. In realtà non è ancora così ma questo non vuol dire che non è possibile averlo.

La società che lo produce è la L-Nutra che insieme al dottor Longo ha realizzato la linea di prodotti adatti alla dieta mima-digiuno chiamati Prolon. Direttamente contattando l’azienda via mail (info@l-nutra.it) o telefonando a uno dei numeri presenti nel modulo contatti del sito, è possibile richiedere il proprio kit.

Attualmente si verrà inseriti in una lista d’attesa e solo tra un paio di settimane sarà effettivamente possibile ricevere a domicilio la scatola che contiene tutto il nutrimento necessario ai 5 giorni di dieta.

Questo attualmente è l’unico modo per ottenere il kit che ha un costo che si aggira intorno ai 150 euro.

Nonostante a breve, visto il successo dell’idea di Longo, il kit potrebbe essere di più facile reperibilità, questo non significa che si può prendere alla leggera e utilizzarlo senza aver prima sentito il parere del proprio medico.

La dieta mima-digiuno va infatti sempre fatta sotto osservazione per evitare possibili effetti collaterali, segnalati dallo stesso dottor Longo come ad esempio svenimenti e cali glicemici.

IL KIT DELLA DIETA MIMA DIGIUNO SERVE PER FORZA?

Tornando all’idea del kit però, questo può essere sostituito con del cibo tradizionale ovviamente solo ed esclusivamente da un medico esperto in digiuno o dieta mima-digiuno. Come ci ha spiegato il dottor Facchini, non c’è bisogno per forza di utilizzarlo, anzi:

“Il mima digiuno è ottimo mezzo da utilizzare sicuramente senza il kit preparato, ma semplicemente con una restrizione di cibi che contengono zuccheri ma deve essere seguito da una dieta equilibrata a basso indice glicemico e basse quantità di proteine animali sempre e comunque”.

E noi non possiamo che essere d’accordo, senza nulla togliere alle scoperte del dottor Longo, una sana alimentazione deve essere seguita sempre, ogni giorno. Non possiamo delegare la nostra salute solo a quello che facciamo 5 giorni al mese!

 

Qui sotto trovate il link per acquistare il libro del Dottor Longo su Amazon:

FONTI:http://www.alfemminile.com/dieta-dimagrante/dieta-mima-digiuno-s2013461.html

https://www.greenme.it/dieta/21705-dieta-mima-digiuno-kit

No Comments

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e le condizioni riportate nella pagina Disclaimer maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi